SELEZIONE DI SAGGI e ARTICOLI
(in allestimento)

PAGINE DEL SITO

CHI SONO


Claudio Moffa, "1966-1996: L'Africa dalla decolonizzazione all'età postcoloniale. L'implosione del 'diritto di autodeterminazione' in Africa", Atti del Convegno "Nazioni Unite e Diritti dell'uomo a trent' anni dall'adozione dei Patti", a cura di Paolo Benvenuti, Pierto Gargiulo, Flavia Lattanzi (22-23 - 3. 1996).
I discorsi 'facili' non sono più possibili, e non è un caso che la politologia 'di sinistra' e liberale si interroga sulla novità della situazione, o - per quel che riguarda l'Africa - sulle peculiarità di un continente nel quale per tradizione storica, ma anche per effetto delle migrazioni degli ultimi decenni, il popolamento 'a macchia di leopardo' rende impossibile l'esportazione meccanica di principi maturati in Europa occidentale, in una regione cioè dove relativamente 'coincidenti' appaiono Stato e Nazione. Come operare delle secessioni, in paesi in cui più etnie vivono l'una accanto all'altra intersecandosi e aggrovigliandosi sul medesimo territorio? .Articolo pdf
 
Claudio Moffa, "Sionismo: contro il 'pensiero unico' della sinistra. Laicismo, marxismo e buona fede in una polemica inusuale ", Marxismo oggi, "Dossier sl revisionismo", 1995, 3.
Se dovessi riassumere la mia percezione della lunga querelle prima sul Dossier Ebrei brava gente, poi sull'appello per la libertà di ricerca storica sullo sterminio nazista degli ebrei, direi che essa ha alla radice la reazione irrazionale del 'pensiero unico' della sinistra sulla 'questione ebraica', ad una critica laica e marxista di tale questione. Ciò che secondo me è stato leso, è una forma di estremismo nazionalista e di pensiero religioso che da circa due decenni ha pervaso - all'ombra dei rivolgimenti politico-editoriali che hanno accompagnato la crisi e il dissolvimento del PCI dalla metà degli anni Settanta ad oggi - la sinistra italiana, ed in particolare, sotto una maschera apparentemente laica, la sua variante 'progessista' .." Articolo pdf
Claudio Moffa, "L'ethnicité en Afrique: l'implosion de la 'question nationale' après la décolonisation", Politique Africaine n. 66, 1997.
Dalla Presentazione:
L’article de Claudio Moffa (...) est tout à la fois une tentative de ré-interprétation de la fracture ethnique en Afrique contemporaine et une pièce apportée au débat sur l’ethnicité lancé en janvier 1996 par l’article de John Lonsdale qui inaugurait notre nouvelle section Débats. Nous saluons donc ici la première réponse intellectuelle et scientifique à un article publié dans notre rubrique. C’est aussi, ce qui de nos jours n’est pas inutile, un essai de revoir la portée analytique du marxisme pour la compréhension du devenir social et politique de I’Afrique (...) L‘article de Moffa, après ceux de Lonsdale, Fardon et Codon, suscite un approfondissement de l’analyse de cette fameuse, et très épineusement pérenne, question ethnique.

Presentazione completa ----------------Articolo pdf
Claudio Moffa, "Lotta politica, guerra interetnica e ricerca storiografica nella Regione dei Grandi Laghi ", Africa, LII, 1997, 4.
E' paradossale che ... non ci si renda conto del carattere aberrante della cosidetta 'guerra di liberazione' tutsi in Ruanda - emblema della caduta verticale del mito della guerriglia in Africa - e dei suoi effetti tragici sul paese e sulla regione circostante. Gli orrori compiuti dai nazionalisti hutu vanno certo denunciati. Ma lo stesso si dovrebbe fare per i crimini commessi dagli oggi vincenti Tutsi ... Non dovrebbe essere lecito, a giustificazione della pratica accettazione dello schiacciamento dei diritti della maggioranza hutu ... contestare addirittura la basilare 'democrazia dei numeri' ... Per alcuni osservatori invece sembra che il principio 'un uomo un voto' su cui si è basata la lotta all'apartheid sudafricano non debba valere nella Regione dei Grandi Laghi" ---Articolo pdf
 
Claudio Moffa, "Il Ruanda e la responsabilità degli eccidi. Per una discussione ", Giano, 29-30, 1998.
Potrebbe darsi che tali considerazioni siano parziali. Potrebbe darsi che qualcuno pensi che la 'conta' dei morti non sia un problema importante ... Quel che comunque è certo è che sono talmente tanti i punti oscuri della vicenda del Ruanda, che sicuramente ognuno dei suoi tasselli pone dei problemi di approfondimento ... In sostanza un divattuto aperto, 'libero', sul 'genocidio' ...
Ma ecco la sorpresa finale: la giornalista 'progressista' Braeckman tira fuori dal cappello della sua inchiesta la parola magica del 'revisionismo' ... Siamo al limite dell'assurdo: qualsiasi cosa se ne pensi, il discusso "revisionismo olocaustico' è diventato in effetti problema storiografico dopo circa mezzo secolo di produzione saggistica di indirizzo opposto. Nel caso del Ruanda sono passati due soli anni dall'evento in discussione - il 'genocidio' dei tutsi (1994) - e già la Braeckman (1996) pretende di parlare di 'revisionismo' ..."
-----Articolo pdf
  2009
- Claudio Moffa, Le relazioni fra Italia e Libia , in Dominique Bendo Soupou (a cura di), Il nuovo Mediterraneo. Conflitti e coesistenza pacifica , L'Harmattan Italia, Torino 2009, pp. 276-286.